La medicina rigenerativa

La medicina rigenerativa è la scienza che utilizza le cellule staminali per rigenerare le lesioni occorse ad organi o tessuti
Questa nuova disciplina utilizza protocolli basati su terapie cellulari e si affida ad un approccio multidisciplinare, che utilizza in maniera combinata preparazioni di origine biologica, emoderivati, molecole bioattive e cellule staminali. Così si  innescano e coadiuvano i processi di riparazione e ricostruzione di tessuti e organi danneggiati. Il sistema è pertanto in grado di potenziare il processo fisiologico di autorigenerazione tissutale, migliorandone ampiezza e velocità ed evitando la formazione del tessuto cicatriziale, fibroso e meno elastico.

La scienza del futuro

Il numero di studi scientifici che mostrano la presenza di cellule staminali adulte praticamente in ogni tipo di tessuto è ormai consistente ed in costante crescita. E' stato scoperto che per riparare le lesioni più gravi, l'organismo recluta popolazioni di cellule staminali, richiamandole dalle loro sedi ed indirizzandole al differenziamento, in modo da contribuire a rigenerare il tessuto danneggiato. 
I processi di rigenerazione sono gli stessi che durante la fase embrionale sovraintendono alla formazione completa ed alla specializzazione funzionale di tutti i tipi cellulari, tessuti ed organi presenti nell’individuo adulto. 
Allo stadio adulto però, l’organismo riesce ad innescare questi processi rigenerativi in maniera di gran lunga meno efficiente.

Il trattamento prevede l'utilizzo di cellule staminali  già presenti nel corpo umano

Negli ultimi anni questi trattamenti sono stati applicati a diverse patologie in tutto il mondo, raggiungendo un alto grado di sicurezza operativa ed efficacia terapeutica (Zuk PA 2010; Schäffler et al., 2007). 
Infatti sono state individuate delle vere e proprie nicchie con un microambiente specifico all’interno delle quali le cellule staminali adulte si mantengono, proliferano e vengono preservate. Queste costituiscono dunque delle vere e proprie “riserve” di cellule staminali che vengono utilizzate dal corpo, da diversi organi nel loro naturale processo di rigenerazione.
Le terapia cellulare somatica utilizza cellule e tessuti umani, che oggi sono considerati veri e propri farmaci. Infatti ormai per terapia cellulare si intende quella fatta somministrando una preparazione con finalità analoghe ai medicinali (DL 178/1991 e successive modifiche) e che contenga cellule vive o parti complesse di esse, sia che queste siano somministrate da sole o insieme a matrici/involucri di origine sintetica o biologica.

Un settore in crescita

Da tempo, per implementare i processi di guarigione dei tessuti, vengono utilizzati prodotti derivati dal sangue. Addirittura già gli indiani d'America "curavano" il sangue con il sangue.

L’utilizzo di cellule staminali per applicazioni di terapia cellulare, tra le quali le cellule staminali adulte "mesenchimali", rappresenta oggi uno dei settori della medicina di maggior interesse: le staminali hanno dimostrato una grande capacità di riginerazione dei tessuti, di rimodulazione del sistema immunitario e posseggono, inoltre, una serie di altre qualità benefiche per l'organismo. Infatti oltre alla cura per ricostruire i capelli, ogni giorno nascono altre applicazioni di medicina rigenerativa.

Questi prodotti derivati dal sangue vengono definiti emocomponenti ad uso topico; comprendono il plasma ricco di piastrine (PRP o gel di piastrine) e la colla di fibrina e sono ottenuti a partire dal sangue secondo un procedimento ben definito dalla legge (D.Leg 219/2005 et 261/2007).
La medicina rigenerativa è stata applicata inizialmente in ortopedia e in maxillo-facciale; successivamente alla cura delle lesioni cutanee, compreso il piede diabetico. Poi questo metodo è stato trasferito alla ricrescita dei capelli, per la prima volta negli USA, grazie al prof. Greco. Oggi costituisce l’avanguardia scientifica per la cura della calvizie.

E' infatti utilizzato in tutto il mondo soprattutto negli Stati Uniti ed in Brasile. Questa tecnologia è applicata in maniera assidua anche nel mondo dello sport; in Italia viene utilizzata prevalentemente dagli atleti più famosi.

La medicina rigenerativa è oggi all'inizio del suo percorso.

Seppur ostacolata da legislazioni in ritardo rispetto alla scienza, le attese nel futuro sono grandissime, e già oggi patologie ritenute finora incurabili hanno dimostrato di rispondere a questo tipo di terapia.

Le terapie con cellule staminali adulte nel mondo attualmente riguardano le seguenti malattie:

  • Malattie cardiache

  • Malattie autoimmuni 

  • Malattia di Parkinson

  • Lesioni spinali 

  • Lupus eritematoso sistemico 

  • GvHD 

  • Danni renali 

  • Ictus cerebrale 

  • Malattia di Alzheimer 

  • Sclerosi multipla 

  • Diabete Mellito di tipo I 

  • Osteogenesi Imperfetta e diffetti osseo-cartilaginei 

  • Degenerazione dei nuclei della base (MSA, PSP, Huntington, Tourette) 

  • Transplantologia 

medicina-rigenerativa-utilizza-staminali
DNA