Convenzione con i Servizi di Medicina Trasfusionale di competenza territoriale

Via Tagliamento, 44 - 00198 ROMA

Tel: 06 8360 0063

  • BioRicrescita

© 2020 by BioRicrescita

  • dott.ssa Silvana Campisi

L'autotrapianto di capelli

L'autotrapianto di capelli è un'operazione chirurgica con cui una parte di essi viene rimossa da una zona della testa ad alta densità (tipicamente la parte posteriore o laterale del capo) e impiantata in un'altra zona dove i capelli sono poco densi o assenti. I capelli impiantati crescono normalmente e quindi, come i capelli "naturali", possono essere pettinati, lavati e tagliati. 

Vi sono diverse tipologie di autotrapianto, a seconda della tecnica utilizzata per l'asportazione e l'impianto dei capelli: le più note sono la F.U.S.S. e la F.U.E. La tecnica F.U.S.S. prevede il prelievo dalla testa del paziente di una striscia di cuoio capelluto, che poi viene frazionata in singoli innesti, destinati all'impianto sulla cute del paziente. Ha lo svantaggio di lasciare una cicatrice generalmente ampia, nella zona di cuoio capelluto dove è stato eseguito l'asporto.

Nella tecnica F.U.E., invece, i capelli, con il loro bulbo, vengono asportati e innestati uno ad uno, utilizzando un bisturi circolare, detto "punch". Questa tecnica minimizza le cicatrici rimanenti sul cuoio capelluto e può fornire ottimi risultati estetici.

Tutte le tecniche di autotrapianto presentano diversi svantaggi che rendono questa soluzione non ottimale. Innanzitutto, il più delle volte, l'autotrapianto non risolve il problema in maniera definitiva, perchè, essendo un intervento di "copertura" e non una cura vera e propria, la causa che ha generato l'indebolimento dei capelli e la calvizie non viene risolta. Spesso, il paziente è costretto a sottoporsi a molteplici interventi chirurgici. 

Un altro problema è rappresentato dagli alti costi dell'autotrapianto, che possono variare tra i tra i  6.000€ e i 15.000€, rendendo questa soluzione non accessibile a tutti.

Infine, l'autotrapianto è a tutti gli effetti una operazione chirurgica, effettuata in anestesia locale e che richiede diverse ore.

Perché la BioRicrescita è diversa dall'autotrapianto

La BioRicrescita è una tecnica innovativa, derivata dalla medicina rigenerativa, che parte dal PRP (una sostanza naturalmente presente nel sangue del paziente, estratta con un semplice prelievo) per attivare le cellule staminali del bulbo e stimolare sul cuoio capelluto lo stesso processo di riparazione che avviene naturalmente nel nostro corpo.

Questo processo contemporaneamente rallenta la caduta dei capelli, rinforzandoli, e riattiva la capacità del cuoio capelluto di far crescere nuovi capelli, più sani e robusti. In questo modo, la calvizie viene affrontata (e non "coperta"), permettendo al paziente di risolvere il suo problema.  

Inoltre, la BioRicrescita non richiede alcun intervento chirurgico. La visita dura circa un'ora, e prevede un prelievo di sangue, da cui il PRP viene estratto, elaborato e applicato  sulla cute della testa. 

La BioRicrescita

La BioRicrescita è una tecnica innovativa derivata dalla medicina rigenerativa, che attiva le cellule staminali del bulbo e stimola sul cuoio capelluto lo stesso processo di riparazione che avviene naturalmente nel nostro corpo.

In 6 mesi i capelli possono ricrescere, con risultati sorprendenti sia sugli uomini che sulle donne e senza effetti collaterali di nessun tipo. Il nostro team medico ha un'esperienza ventennale sulle staminali e di oltre 10 anni nella rigenerazione dei tessuti della pelle con la medicina rigenerativa, ed è uno dei pochi autorizzati dalle autorità sanitarie ad applicare la BioRicrescita.

Vuoi saperne di più su BioRicrescita? Contattaci e prenota una visita, per affrontare una volta per tutte il problema della calvizie.