• dott.ssa Silvana Campisi

Simbolismi dei capelli e grave disagio psicologico in caso di calvizie

Il simbolismo legato ai capelli è già presente fin dall’antichità. Esso si basa sul fatto che i capelli hanno la possibilità di allungarsi e, se tagliati, di crescere e di rinnovarsi.  La capigliatura, tuttavia, è investita di significati simbolici non sempre univoci.


Gli antichi simbolismi dei capelli

La Bibbia, ad esempio, parla di Sansone e i suoi lunghi capelli erano considerati l'emblema della sua leggendaria forza fisica. Nel giudizio egizio dei morti, il defunto porta una parrucca nera, simbolo della notte e di uno stato di coscienza indistinto; dopo il giudizio di Osiride essa muta il suo colore in bianco, segno dell'avvento di una nuova era di luce e di coscienza. In altri contesti, i capelli significavano istintualità: le streghe erano rappresentate con chiome aggrovigliate e scompigliate.

Capigliatura simbolo di charme per l’immagine di una persona

La consistenza dei capelli, forti o esili, la docilità al pettine, la presenza di nodi, la loro vitalità, vengono spesso ricollegati a situazioni caratteristiche del modo di pensare di un soggetto, presenti nel suo modo di essere. Il legame capelli-pensieri viene suggerito anche, nell’opinione popolare, dall'incanutimento precoce che a volte segue una situazione esistenziale particolarmente difficile: le preoccupazioni fanno diventare i capelli bianchi, dice un proverbio.Ma la capigliatura, nel passato, così come oggi, è considerata, soprattutto, un ornamento di grande fascino, di seduzione, di charme, di richiamo sessuale. Così il taglio dei capelli, fino alla rasatura completa, ha sempre avuto, nelle tradizioni religiose e culturali, il senso di sacrificio o anche di mutilazione di alcune capacità dell'essere umano, fino al significato estremo di perdita della propria identità profonda, di una trasformazione netta della propria individualità. Lo scalpo rituale degli indiani d'America, il taglio dei capelli delle vestali o dei sacerdoti greci o quello dei monaci buddisti, così come quello, fra i cristiani, delle suore, indicano certamente un atto di rinuncia e di umiltà, anche se in vista di un legame con una dimensione spirituale superiore.


Benessere della persona collegato al benessere dei capelli

Benessere della persona e benessere dei capelli, nell’immaginario collettivo, dunque, sono, collegati. La loro caduta è spesso legata al ciclo stagionale della vita e richiama la perdita di forze e di interessi. Crea, quindi, disagi e imbarazzi. Nelle donne, addirittura, si arriva a un danno psicologico devastante che può influenzare anche la salute fisica.  Alcuni recenti studi hanno dimostrato che nelle donne che soffrono di calvizie e che non accettano di avere questa situazione, nascono gravi problemi di autostima che le fanno soffrire e che può indurre, addirittura, ad una sorte di precoce invecchiamento.Certo, avere una bella capigliatura, ieri, come oggi, è un elemento importante non solo per l’immagine che una persona ha di se stessa, ma anche perché essa facilita le relazioni interpersonali. La calvizie, infatti, può essere responsabile del disagio sociale di relazione.  Oggi, però, la scienza ci offre un valido rimedio.


Il responso della scienza per combattere la calvizie

Grazie alle nuove bio-tecnologie provenienti dalla Medicina Rigenerativa, l’alopecia, il diradamento dei capelli e i problemi di calvizie, si possono ormai combattere efficacemente con metodi naturali e con risultati sorprendentemente positivi, sia per l’uomo che per la donna. Questo innovativo approccio terapeutico combina l’uso di biomateriali e fattori di crescita (tutti componenti autologhi) per supportare i processi di ricrescita dei capelli. Il successo di questo trattamento è condizionato dallo stato in cui si trovano i follicoli, per cui è necessario ricorrere allo specialista prima che avvenga l’atrofizzazione completa dei follicoli.


I sistemi applicativi differiscono per cui varia anche la loro efficacia

E’ opportuno ricordare, però, che i sistemi applicativi della Medicina Rigenerativa differiscono molto fra di loro. Non tutte le metodiche applicate sono uguali e, quindi, non si ha sempre la stessa efficacia.Ciò comporta per il paziente il successo o l’insuccesso finale del trattamento intrapreso. E’ molto importante, quindi, saper scegliere l’équipe medica cui affidarsi. Esistono in Italia centri molto validi dove sono impegnate persone che, prima di passare al campo clinico, hanno lavorato nella Ricerca scientifica e hanno acquisito all’estero esperienze e competenze su bioterapie, ora trasferite nella clinica.

La BioRicrescita

La BioRicrescita è una tecnica innovativa derivata dalla medicina rigenerativa, che attiva le cellule staminali del bulbo e stimola sul cuoio capelluto lo stesso processo di riparazione che avviene naturalmente nel nostro corpo.

In 6 mesi i capelli possono ricrescere, con risultati sorprendenti sia sugli uomini che sulle donne e senza effetti collaterali di nessun tipo.


Il nostro team medico ha un'esperienza ventennale sulle staminali e di oltre 10 anni nella rigenerazione dei tessuti della pelle con la medicina rigenerativa, ed è uno dei pochi autorizzati dalle autorità sanitarie ad applicare la BioRicrescita.


Vuoi saperne di più su BioRicrescita? Contattaci e prenota una visita, per affrontare una volta per tutte il problema della calvizie.

Convenzione con i Servizi di Medicina Trasfusionale di competenza territoriale

Via Tagliamento, 44 - 00198 ROMA

Tel: 06 8360 0063

  • BioRicrescita

© 2020 by BioRicrescita